Fosse Imhoff e Fosse Settiche

Con la dicitura “fosse biologiche” si intende genericamente sia le tradizionali fosse settiche che le fosse biologiche ideate da Karl Imhoff (come riportato nel suo “Manuale per il trattamento delle acque di scarico”, prima edizione del 1906); entrambe le tipologie (se utilizzate come unica fase di trattamento) trovano ampia diffusione per le acque reflue di origine domestica.

Vediamo brevemente le peculiarità di funzionamento di entrambe, con pregi e difetti dell'una e dell'altra.

Le fosse settiche

Tra le fosse settiche tradizionali le più diffuse sono due: la fossa settica bicamerale e quella tricamerale (a seconda che siano suddivise in due o tre comparti). In questi impianti le varie camere sono attraversate dal refluo che, passando da un comparto all'altro scorrendo a gravità, “perde” gran parte dei solidi sedimentabili grazie ad un determinato tempo di permanenza in vasca.

fossa settica tricamerale

I fanghi così sedimentati si accumulano sul fondo subendo un processo di fermentazione anaerobica (con formazione di gas quali metano e anidride carbonica). In questo contesto il sedimentato si alleggerisce risalendo in superficie e portando alla formazione delle tipiche “croste” flottanti. Tale tipologia di fossa settica presenta un effluente ben chiarificato ma con un’alta concentrazione residua di inquinanti disciolti non sedimentabili.

Vantaggi delle fosse settiche

Rispetto alle fosse Imhoff, secondo il parere di molti esperti e studiosi della materia (tra gli altri lo stesso Karl Imhoff) le fosse settiche (in particolare quelle tricamerali) sono preferibili nel caso si necessiti di un trattamento primario di reflui derivanti da insediamenti isolati nel caso di una successiva sub dispersione nel terreno (si veda la specifica sezione in merito). Questo poichè (senza addentrarci nei particolari riguardanti i processi biologici e chimici che si innescano) forniscono un refluo sufficientemente chiarificato a basso contenuto di solidi sospesi, cosa che riduce la possibilità di intasamenti della rete drenante a valle dell'impianto.

Le fosse Imhoff

Le fosse Imhoff presentano invece due compartimenti: uno superiore (comunemente detto di “sedimentazione”) e uno inferiore (detto di “digestione”). Ciò significa che le due fasi (sedimentazione e digestione dei fanghi) avvengono in due comparti separati e distinti (mentre le varie camere delle fosse settiche operano entrambi processi).

Il canale di sedimentazione è attraversato longitudinalmente dal flusso del refluo e presenta nella parte inferiore una tramoggia a fondo aperto e comunicante col sottostante vano di digestione. Mano a mano che l’acqua attraversa il canale di sedimentazione (per uscire definitivamente dalla parte opposta) si separa dai solidi sedimentabili che per gravità finiscono per depositarsi sulla tramoggia di fondo scivolando successivamente per entrare nel comparto di digestione. Qui entrano in una zona "di calma" (contrariamente al sovrastante comparto) grazie alla quale tendono a depositarsi sul fondo, dove subiranno una progressiva fermentazione anaerobica.

funziamento fossa imnoff

Tale processo comporta la formazione di gas (tipica delle situazioni in assenza di ossigeno disciolto) il quale in parte risale in superficie e in parte alleggerisce e trascina i fanghi digeriti verso la superficie con conseguente formazione di croste galleggianti. La particolare geometria della tramoggia di fondo del canale di sedimentazione impedisce che i gas e i fanghi in risalita vadano ad interferire col flusso del refluo (si veda la figura sopra per meglio comprendere il tutto)

Vantaggi della fossa Imhoff

Pertanto (analogamente alla fossa settica) anche la fossa Imhoff funge da sedimentatore e da digestore anaerobico del fango: ha però rispetto alle fosse bicamerali o tricamerali il vantaggio (come illustrato in figura) che sia le bolle di gas generate in fase di fermentazione che la crosta non risalgono sulla superficie del canale di sedimentazione e quindi non interferiscono con la corretta funzionalità di quest’ultimo nella sua opera di chiarificazione. A parità di volumetria però si noti come la permanenza del refluo in una fossa settica sia maggiore rispetto a quanto avviene nella Imhoff, da ciò ne deriva il refluo maggiormente chiarificato della prima, purchè sia ben dimensionata.

Fossa Imhoff Nella foto a sinistra sono ben visibili le due tubazioni che attraversano la tramoggia del canale di sedimentazione. Queste vengono inserite in quanto permettono contemporaneamente sia l'esalazione dei gas prodotti dalla fermentazione anaerobica che l'accesso alla manichetta dell'autospurgo per il prelievo dei fanghi accumulati sul fondo del comparto di digestione (oltre che delle croste galleggianti tipiche di un impianto del genere).

Un altro vantaggio delle fosse Imhoff è la loro applicazione negli impianti di depurazione. Infatti sono particolarmente adatte ad assolvere il ruolo di sedimentatore primario sia negli impianti a filtro percolatore (dove possono essere utilizzate anche per la sedimentazione secondaria) che negli impianti a fanghi attivi.

Per quanto riguarda la scelta tra fosse Imhoff e fosse settiche nel trattamento degli scarichi di unità abitative isolate non servite dalla rete fognaria, generalmente la tendenza legislativa regionale italiana propende all'adozione delle prime. Una delle poche eccezioni in tal senso è rappresentata dalla Regione Toscana, che preferisce invece le fosse settiche.

fosse imhoff

Le nostre fosse Imhoff monoblocco sono dimensionate per il trattamento dei reflui civili derivanti da utenze di entità fino a circa 200 abitanti equivalenti ma, suddividendo il flusso in due linee parallele mediante un pozzetto di ripartizione posizionato a monte, è possibile servire utenze ben più consistenti affiancando più linee di trattamento.

Normative sull'applicazione della fossa Imhoff

Le normative regionali solitamente impongono l’applicazione di una fossa Imhoff o di una fossa settica tradizionale per piccole utenze (in genere al di sotto dei 50 abitanti equivalenti), sia nel caso di civili abitazioni isolate (quindi prima della sub dispersione nel terreno) che per nuovi allacci in fognatura.

Infatti nel secondo caso la legislazione nazionale di riferimento (D.Lgs. n° 152/2006) impone che gli scarichi di acque reflue domestiche (e assimilabili) recapitati in fognatura devono ottemperare ai regolamenti emanati dal gestore del servizio idrico integrato, i quali solitamente richiedono l’adozione di una fossa settica o una di fossa Imhoff prima dello scarico nella condotta fognaria.

In caso in cui non sia possibile il recapito in fognatura il D.Lgs. n° 152/2006 prescrive invece il trattamento delle acque di scarico con sistemi individuali o altri sistemi pubblici o privati adeguati individuati dalle Regioni. Un caso tipico è quello della subdispersione nel terreno preceduta da una fossa settica, generalmente possibile per utenze non troppo elevate (tipicamente non oltre i 50 abitanti equivalenti).

Come già accennato e come avviene per tutti i nostri impianti, le nostre fosse settiche (bicamerali, tricamerali o Imhoff) sono costruite mediante l’uso di vasche monoblocco prefabbricate in cemento armato vibrato, a tenuta idraulica e resistenza strutturale garantite dal produttore.

Lo Studio Associato di Ingegneria Ambientale è a disposizione per una consulenza gratuita sia per la scelta e il dimensionamento della fossa Imhoff o della fossa settica che per il corretto calcolo degli abitanti equivalenti (che spesso risulta piuttosto articolato nei casi di reflui non civili o per i servizi igienici di attività produttive). Si noti come questo secondo aspetto risulta tutt'altro che trascurabile al fine di un corretto dimensionamento degli impianti di trattamento acque ed è una fase fondamentale che influenza l'intero processo progettuale.

Modelli di fosse Imhoff di nostra produzione

Nella tabella sotto sono riassunti i modelli “base” di fosse Imhoff di nostra produzione.

tabella fosse imhoff

Modelli di fosse settiche di nostra produzione

Nella seguente tabella invece sono riassunti i modelli di fosse settiche tricamerali.

tabella fosse settiche

Scarica il pdf sulle Fosse Imhoff e fosse settiche.